L’IMAM ESPULSO DALL’ITALIA? ERA UN PROTETTO DEL PD: GLI PAGAVA PERSINO LA CASA!

loading...

Ma quando Mohamed Madat era un rispettato imam sull’Appennino, tutti a Castelnovo Monti facevano la gara ad aiutarlo. E a farsi aiutare tanto che il locale Pd non si oppose a portarlo al seggio dove si svolgevano le primarie per la scelta del candidato sindaco.

A raccontarlo a Reggiosera è stato Enrico Bini, oggi sindaco sotto la Pietra di Bismantova, ma che nel 2014 sfidava da outsider il candidato di bandiera Dem Giuliano Maioli: «Madat sosteneva Maioli e telefonava per chiamare al voto molti extracomunitari che non conoscevano l’italiano».*

Bini ha rivelato a Reggiosera di essersi anche lamentato con la direzione provinciale del partito, invano.

Bini la spuntò nei voti e divenne sindaco, dove riuscì anche a far chiudere a Madat il centro islamico di preghiera abusivo. Tanto che poi lui si è dovuto trasferire a Vicenza, dove la Polizia l’ha monitorato per mesi, giusto il tempo di accorgersi della sua radicalizzazione e spedirlo in patria.

Nessuno oggi ha voglia di chiedersi perché il Pd avesse così bisogno dei voti di Madat e dei suoi amici.

Evidentemente l’ambizione elettorale mischiata a buonismo e multicult tipica dei Dem provoca anche inconvenienti di questo tipo, specie se non si controlla bene chi ci si mette in casa. In tutti i sensi.

Il Comune di Carpineti, amministrato dal Pd, si offrì di pagagli persino l’affitto di casa. Lui il lavoro l’avrebbe perso anni dopo, ma le condizioni della famiglia, Madat è sposato con 4 figli, necessitavano un interessamento. Che arrivò puntuale quando il sindaco in persona chiese ad un abitante un appartamento sfitto.

Detto, fatto: il Comune ha pagato a Madat 220 euro al mese di affitto per diversi anni. Ma il proprietario non riuscì mai ad entrare in casa per controllarne, come suo diritto, le condizioni, pena il ritrovarsi il nerboruto imam sul pianerottolo con un’accetta. Ma tutto gli era concesso perché Madat gestiva il centro islamico di Felina e diventava il punto di riferimento della preghiera mussulmana in Appennino.

Il decreto di espulsione firmato dal Ministro Alfano è stato categorico: sermoni troppo radicali e antioccidentali, via dall’Italia per 15 anni.

Il web journal la Nuova BQ ha scoperto che la spia rossa si è accesa quando qualche frequentatore della moschea di Noventa Vicentina gli ha chiesto di organizzare un incontro per prendere le distanze dall’attentato di Bruxelles. «L’Islam non si deve giustificare per questi fatti», fu la sua risposta.

Parole dure che si sommavano nel suo dossier ad altri comportamenti pericolosi nei confronti dei bambini. Sempre la Nuova Bussola Quotidiana ha scoperto che Madat invitava i bambini della madrassa da lui gestita a non frequentare i coetanei italiani e a non guardare la televisione del nostro paese. Una chiara strategia di radicalizzazione che, non ci vuole un genio per capirlo, tra qualche anno potrebbe produrre 19enni invasati e armati di tutto punto contro l’Occidente e i suoi simboli.

Meglio allontanarlo, ma quanto imbarazzo a Sinistra per averlo aiutato e averlo indicato come modello: arrivato nel ’90 nel reggiano, immigrato di prima generazione, integrato, autoritario sì, ma che importa: con tutti i voti che porta

FONTE

IL GIORNALE

loading...

Potrebbero interessarti anche...